Venerdì 3 Febbraio 2012 – “Sopa de Caracol… el gusto de la lucha!”

Sopa de Caracol

a sostegno dei progetti di cooperAzione dal basso

dell’ Ass. YA Basta!


con SPARTACO CSOA

e la collaborazione di terra/TERRA
Restaurante itinerante

“Sopa de Caracol… el gusto de la lucha!”

ai fornelli: BABEL>Chef Resistente e la cucina di Spartaco

VENERDI 3 FEBBRAIO
dalle 19,00 alle 21,00
spazio ZAP>eritivo
Ostriche & Prosecco

puoi scegliere tra
*gran menu fisso, servito a tavola
(mix di antipasti, bis di primi, bis di secondi, contorno, dolcefrutta e Caffè Rebelde Zapatista)
(solo su prenotazione euro 20,00 posti limitati)
oppure:
*menu alla carta, con piatti di pesce, ma non solo

per info&prenotazioni fino a giovedi:

sede Ya Basta: Via dei latini 30 tel. 06 99 92 20 02
cell.328 55 87 032 (Babel>Chef>Miria)
mail: moltitudia_yabasta@yahoo.it
oppure al csoa Spartaco

appunti gastro-etici di Babel>Chef Resistente

Un fragrante odore di mare si è sparso nella città… dopo la bellissima inaugurazione a Strike, con più di 50 coperti, i venerdi di pesce con Babel>Chef Resistente e l’associazione Ya Basta si moltiplicano… e approdiamo in altri quartieri, altri spazi sociali.

Gli appuntamenti mensili continuano al Quadraro con csoa Spartaco il 2 dicembre, a Casalbertone con Strike spa il 16 dicembre, e a Garbatella con il csoa La Strada il 23 dicembre. Partita nel segno del “vediamo come va…” già dopo il primo appuntamento “Sopa de Caracol… el gusto de la lucha!” raccoglie consensi e partecipazione e prende la connotazione di “restaurante itinerante”. Solidarietà, socialità, bio-politica, autoreddito… ma è anche attraverso la produzione e il consumo di “Cibo Sano”, diritto di tutti, bene comune, come la TERRA e il MARE che ce lo consegnano, che ci riappropriamo di una parte del nostro “Buen Vivir”. Dietro ad una affermazione così semplice si incastrano tanti ragionamenti, che personalmente e come Ya Basta abbiamo affrontato in questi ultimi anni partecipando terra/Terra e approfondendo i temi legati alla produzione e al consumo del cibo, che vogliamo condividere con tutt*.

Per questo andando avanti “Sopa de Caracol, el gusto de la lucha!” valorizzerà sempre di più i circuiti di produzione e di consumo alternativi, con la presenza negli spazi sociali occupati e la relazione con le esperienze delle cucine autogestite, dove compagne e compagni si cimentano ogni giorno con passione nell’inventarsi ricette e auto reddito, proponendo con loro una volta al mese pasti di alta qualità a prezzo accessibile e con il reperimento delle materie alimentari, quando e quanto possibile, dai produttori terra/Terra. Anche per quanto riguarda il pesce la scelta di non pubblicizzare in anticipo il menu nasce dal riservare la possibilità di decidere all’ultimo giorno, in base al rapporto qualità-prezzo del pesce pescato, e quindi dalle eccedenze e dalle varietà che il mare quel giorno ci propone, cercando canali il più possibile diretti e/o attraverso fornitori sensibili e predisposti a sostenere anche il significato sociale delle iniziative. Le prenotazioni servono ad evitare lo “spreco”, che non possiamo e vogliamo avere, nè economicamente nè culturalmente, oltre a garantire la sistemazione ai tavoli, un buon servizio e buon cibo per tutt*.

Buon appetito! Miria

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento